venerdì 23 ottobre 2009

Blue Light Yokohama

Non mi ritengo un'appassionata a tutto tondo del genere enka, ma ci sono certe canzoni che mi rapiscono letteralmente e, d'altra parte, la buona musica non ha età nè nazionalità. Una di queste è senza dubbio Blue Light Yokohama, pezzo del 1968 cantato da Ayumi Ishida (vero nome Yoshiko Ishida, classe 1948) e recentemente riproposto da Takako Uehara.

Si rende doverosa una piccola digressione sul genere enka (演歌), visto che non mi pare di averne mai parlato approfonditamente su questi lidi. Il termine si riferisce a un tipo di musica popolare particolarmente melodrammatico e molto caratteristico, apprezzato soprattutto da persone di una certa età: non che sia completamente snobbato dai giovani, ma penso sia piuttosto evidente perchè non ne siano i principali estimatori. La melodia è di solito abbastanza lenta e in linea di massima i testi non fanno riferimento alle gioie dell'amore, bensì al suo lato negativo e struggente, al dolore del distacco e alla lontananza. Insomma, in generale sono piuttosto avvilenti, anzi alcune sono proprio da taglio delle vene, almeno per me. Le parole che comunemente appaiono nei brani enka sono uomo, donna, lacrime, mare, porto, neve, pioggia, etc.
Per fare un paragone forse più comprensibile, potrebbe essere circa l’equivalente di canzoni popolari italiane un po' malinconiche come ad esempio “Romagna Mia”, la prima che mi viene in mente visto che è della mia zona, ma che comunque è mooolto più orecchiabile e allegra di una vera canzone enka^^;

Ad ogni modo, Blue Light Yokohama non è affatto avvilente. Nostalgica, senza dubbio, ma è anche in questo che risiede il suo fascino. Si può dire che combini le caratteristiche tipiche dell'enka con un sound più moderno, e per questo è conosciuta e apprezzata su larga scala.
Qui sotto potete ammirarne un video d'epoca, il cui presentatore suppongo dovesse essere una specie di Mike Bongiorno nipponico. La grazia e la bellezza della Ishida, qui appena ventenne, catturano al primo sguardo:

video

Il titolo del singolo, come è facile intuire, si riferisce al colore delle luci notturne della città di Yokohama e, al tempo, è rimasto nelle classifiche per ben 32 settimane consecutive.
Il testo è molto poetico ed evocativo, e mi sono cimentata in una traduzione che spero possa rendergli giustizia almeno in parte, anche se non garantisco niente^^;
Per chi volesse scaricare l'mp3, QUI c'è il file zippato.

『ブルー・ライト・ヨコハマ』
(Burū Raito Yokohama - Blue Light Yokohama)
Interprete: Ayumi Ishida
Testi: Tsutsumi Kyohei

街の灯りが とてもきれいね Machi no akari ga totemo kirei ne
ヨコハマ ブルーライト・ヨコハマ Yokohama Burū Raito Yokohama
あなたと二人 幸せよ Anata to futari shiawase yo
いつものように 愛の言葉を Itsumo no yō ni ai no kotoba o
ヨコハマ ブルーライト・ヨコハマ Yokohama Burū Raito Yokohama
私にください あなたから Watashi ni kudasai anata kara

歩いても歩いても 小舟のように Aruitemo aruitemo kobune no yō ni
私はゆれて ゆれてあなたの腕の中 Watashi wa yurete yurete anata no ude no naka
足音だけが ついて来るのよ Ashioto dake ga tsuite kuru no yo
ヨコハマ ブルーライト・ヨコハマ Yokohama Burū Raito Yokohama
優しいくちづけ もう一度 Yasashii kuchizuke mō ichido

歩いても歩いても 小舟のように Aruitemo aruitemo kobune no yō ni
私はゆれて ゆれてあなたの腕の中 Watashi wa yurete yurete anata no ude no naka
あなたの好きな タバコの香り Anata no suki na tabako no kaori
ヨコハマ ブルーライト・ヨコハマ Yokohama Burū Raito Yokohama
二人の世界 いつまでも Futari no sekai itsumademo

Traduzione

Le luci della città di Yokohama sono bellissime, Blue Light Yokohama
Insieme a te sono felice
Dimmi parole d'amore come sempre, Blue Light Yokohama

Si va avanti e si va avanti, e io come una piccola barchetta
Ondeggio e tremo fra le tue braccia.
Soltanto il rumore dei passi ci accompagna, Blue Light Yokohama
Un dolce bacio, ancora una volta

Si va avanti e si va avanti, e io come una piccola barchetta
Ondeggio e tremo fra le tue braccia.
L'aroma delle tue sigarette preferite, Blue Light Yokohama
Sarà il nostro mondo, per sempre