lunedì 28 luglio 2008

Sampei, un gioiellino dell'animazione anni '80.

E' facile che, chi come me è nato negli anni '80, sia cresciuto a pane e cartoni e nella fattispecie tali cartoni erano L'Uomo Tigre, Ken il Guerriero, Galaxy Express 999, Holly e Benji, Gigi la Trottola, Yattaman, Calendar Man, Sampei e molti altri (ebbene sì, guardavo e apprezzavo quasi soltanto cartoni da maschi, per quanto non disdegnassi completamente il filone majokko). Proprio di quest'ultimo vorrei parlarvi oggi, chi non ricorda le avventure del ragazzino pescatore capace di pescare l'impossibile, come dicevano anche i Rocket Horse nella mitica canzone della sigla?xD

L'altro giorno vagavo tra gli scaffali della mia fumetteria di fiducia e mi sono imbattuta nella serie animata di Sampei che, finalmente, è uscita raccolta in DVD ad opera della Yamato Video (Santa subito!!!) Il fatto che fosse una loro produzione mi ha tranquillizzato sulla qualità, così ho subito acquistato il primo cofanetto contenente 3 DVD, per un totale di ben 15 episodi, al modico costo di 36€ (in realtà del prezzo non me ne fregava nulla, l'avrei comprato per qualunque cifra xD)
La serie si comporrà di 7 cofanetti (finora ne sono usciti soltanto i primi 5), sempre da 3 dischi ciascuno, che raccoglieranno tutti i 109 episodi dell'anime. L'audio disponibile è in italiano e in giapponese con sottotitoli in italiano...la voce originale di Sampei non mi piace molto, è troppo acuta e squillante e perciò preferisco quella italiana, anche se forse è un pò troppo da adulto per un ragazzino di 13 anni.
Questo qui sotto è il primo cofanetto:

A questo punto, si rende necessario un discorsino sui nomi dei protagonisti, che in giapponese sono pregni di significato...purtroppo nella traduzione questi bellissimi particolari vengono sempre persi.

Sampei, il cui titolo originale è Tsurikichi Sanpei 釣りキチ三平 (tradotto significa più o meno "Sanpei dalla pesca fortunata") è una vecchia gloria che non ha bisogno di presentazioni, se non lo ricordate semplicemente siete troppo giovani! Non vi dico l'emozione che ho provato quando ho riascoltato per la prima volta dopo anni e anni la sigla italiana, roba da avere i lucciconi agli occhi...guardare questo anime adesso per me rappresenta un vero e proprio tuffo nel passato, e mi fa notare e apprezzare particolari che ovviamente mi sfuggivano quando lo seguivo da piccola, come ad esempio il nome del protagonista. I DVD contengono come extra anche le sigle originali giapponesi, che è stata la prima cosa che ho guardato appena inserito il disco nel lettore e poco dopo sullo schermo, insieme alle note di una sconosciuta ma orecchiabile canzone, è apparso il suo nome in ideogrammi, che si scrive con il kanji del numero tre 三, letto "SAN", e quest'altro 平, letto "HEI" (ma che per esigenze fonetiche si converte in "PEI") che significa parità o pace. Si riferisce forse al fatto che i pescatori necessitano di pace e tranquillità per pescare, così che potrebbe essere interpretato come "pace al cubo"(xD)? In realtà, penso che simboleggi il fatto che Sanpei è il terzo della sua generazione ad essere pescatore, e tra un attimo spiegherò perchè.

In teoria, il nome esatto si scriverebbe SaNpei, e non SaMpei, dato che in giapponese la M come suono isolato non esiste, è presente solo la N con questa caratteristica; però, sempre per le stesse ragioni fonetiche per cui una H può diventare una P se posposta a certe lettere, anche una N può diventare una M, facilitando così la pronuncia (per cui nessuna delle due opzioni è errata).

Una curiosità sul cognome, che si scrive in modo identico al nome, ovvero 三平, ma si pronuncia MIHIRA (e non Nihira come è noto in Italia, anche se tecnicamente non è inesatto, visto che NI è una delle possibili letture di 三); MI e HIRA sono semplicemente modi diversi di leggere gli stessi ideogrammi (vi ricordo che ogni kanji ne ha minimo due). Insomma ha il nome uguale al cognome!

Tornando al discorso dei numeri insiti nei kanji dei nomi, il nonno, il mitico Ippei Mihira, si scrive così 一平 三平. Il kanji 一 significa "numero uno, primo". In effetti, essendo il nonno di Sampei, è il primo della sua famiglia in ordine di anzianità, e Sampei, in quanto discendente più giovane, è contraddistinto dal numero tre presente nel kanji del suo nome; diviene a questo punto chiaro che l'autore vuole sottolineare le tre generazioni di pescatori della famiglia Mihira, e sarebbe logico che suo padre avesse un nome con un due al suo interno, ma così non è, perchè si chiama Taira 平...ad ogni modo, i kanji che ricorrono sono sempre i soliti xD

Riassumendo, l'ideogramma 平 ha le seguenti letture (ben 6 in totale):

Lettura On: へい (hei), ひょう (hyō), べん (ben)
Lettura Kun: たいら (taira), ひら (hira), ひらたい (hiratai)

Non c'è che dire, l'autore aveva solo l'imbarazzo della scelta, con tutte queste pronunce differenti xD

Terminati gli sproloqui sui kanji, che mi intortano sempre un casino, passiamo a parlare delle sigle originali a cui ho già accennato prima. Ebbene, sono MAGNIFICHE, in particolare quella di chiusura, troppo simpatica! Quella di apertura ha il classico stile delle sigle degli anime di quegli anni, cantate da una voce maschile tonante e profonda.

Giusto per far scendere qualche lacrimuccia anche a voi in memoria dei vecchi tempi in cui, ancora bambini ignari e spensierati, guardavate beati questo cartone, ecco qui la sigla italiana:

Tanto lo so che nessuno se l'è mai dimenticata!^^
Qui invece la opening giapponese, Wakaki Tabibito 若き旅人 di MoJo:

E qui infine la spassosissima ending, Ore wa tsurikichi Sanpei da 俺は釣りキチ三平だ sempre di MoJo (vedrete, non riuscirete più a fare a meno di ascoltarla):

Potevo io esimermi dal traslitterare il testo? Ovviamente no, per cui ecco qui:

「俺は釣りキチ三平だ」
「ORE WA TSURIKICHI SANPEI DA」

俺は釣キチ 三平だ Ore wa tsurikichi Sanpei da
竿を握らしゃ 日本一の sao wo nigirasha nippon'ichi no
腕と度胸で 大物ねらい ude to dokyode oomono nerai
なにくそ 嵐 なにくそ 孤独 nani kuso arashi nani kuso kodoku
地球の魚と戦うぞ chikyuu no sakana to tatakauzo
知恵と勇気じゃ負けはせぬ chie to yuuki ja make hasenu
まけるな 男 まけるな三平 makeru na otoko makeru na Sanpei
宇宙と自然に いだかれて uchuu to shizen niidakarete
明日のしあわせ 釣りあげろ ashita no shiawase tsuri agero

4 commenti:

Ami ha detto...

Non ti smentisci mai tesoro...eccellente!!!!
^_^

Matteo ha detto...

A sentire la singla mi vengono tuttora i brividi. Lo adoravo.

Lady Expressionist ha detto...

chi se lo scorda Sanpei

Silvia ha detto...

Cara Kitsune, ti scrivo perchè stavo disperatamente cercando la sigla finale giapponese di Sampei. Purtroppo non riesco a visualizzarla sul tuo blog! Vorrei chiederti la cortesia, sempre se ti è possibile, di aiutarmi. Ti ringrazio in anticipo e attendo con ansia tue notizie. Silvia